L’INTEGRAZIONE A SCUOLA CON IL PROGETTO CPIA

L’INTEGRAZIONE A SCUOLA CON IL PROGETTO CPIA

L’istruzione che non lascia indietro nessuno perché non è mai tardi per imparare

In un mondo multietnico e globale l’integrazione diviene di fondamentale importanza per non lasciare indietro nessuno. Le scuole statali Cpia, centro provinciale per l’istruzione degli adulti lo sanno bene e, tra i tanti percorsi di studio che li caratterizzano, c’è anche un percorso curricolare istituzionale talmente dedicato all’integrazione.
Si tratta di scuole pubbliche serali, un’istituzione scolastica dedicata agli adulti dai 16 anni in su, che hanno pensato anche a coloro che hanno deciso di vivere in Italia, dando loro una reale possibilità di integrazione grazie all’offerta formativa rivolta ai cittadini stranieri, in possesso di permesso di soggiorno, che devono frequentare corsi di alfabetizzazione linguistica e di educazione alla cittadinanza, valido per l’Accordo di integrazione e ipermesso CE di lungo periodo.
Attraverso corsi di lingua italiana, insegnano ad adulti stranieri o minori stranieri non accompagnati, la lingua e cultura italiane, con conseguimento della certificazione di livello A2, per il permesso di soggiorno, e di livello B1 per ottenere la cittadinanza italiana.
Sono ben 9 i comuni dell’area metropolitana nei quali sono presenti centri Cpia, guidati dalla dirigente scolastica: dott.ssa Paola Maino, e anche Modugno ha il suo plesso, CPIA2 Ba -Altamura, con sede presso SMS Casavola- d’Assisi, con referente la Prof.ssa Carmela Minenna. Ma la scuola non si rivolge solo a coloro che devono integrarsi, ma anche a quegli adulti che hanno perso anni scolastici, vogliono recuperare, conseguendo un titolo di studi o specializzarsi. Adulti e giovani, a partire dai 16 anni di età, che non hanno assolto l’obbligo di istruzione o che non sono in possesso del titolo di studio conclusivo del primo ciclo di istruzione (ex licenza media), possono essere guidati al conseguimento, così come chi, in possesso del titolo di licenza media, vuole assolvere all’obbligo di istruzione, capitalizzabile come primo biennio di scuola superiore (per continuare successivamente gli studi nell’istruzione serale e conseguire il diploma di maturità con percorsi personalizzati) e che permette anche di accedere ai percorsi regionali di formazione professionale per conseguire titoli e qualifiche specifiche. L’integrazione culturale e linguistica, nonché il perfezionamento personale volto alla competitività nel mondo del lavoro, passa anche dalla conoscenza di una lingua straniera europea e dalla conoscenza del computer. Il CPIA offre anche corsi brevi, di circa 30 ore, di Lingua Inglese e di Alfabetizzazione informatica, aperti agli adulti del territorio con bisogni di riqualificazione personale e professionale. Lotta alla dispersione scolastica, integrazione e pari opportunità sono quindi gli obiettivi che la scuola si propone di raggiungere. Agli studenti meno abbienti, infatti, saranno consegnati dispositivi digitali (tablet, pc portatile, schede di connessione dati, router portatili) in comodato d’uso gratuito, per tutta la durata del percorso formativo. Questo perché tutti hanno il diritto di integrarsi e migliorare e non è mai troppo tardi per provarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.