PUGLIA. PREVALE L’ARANCIONE

PUGLIA. PREVALE L’ARANCIONE

Le regole su aperture e spostamenti da lunedì

Dopo cinque settimane in rosso, la Puglia torna in zona arancione. Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia, firmerà in giornata nuove ordinanze che andranno in vigore a partire dal 26 aprile. Tra tutte le regione, torna in rosso solo la Sardegna. L’Italia intera si tingerá di giallo. Anche la Puglia ha “rischiato” di diventare gialla ma, purtroppo, i dati dei contagi hanno avuto la meglio.

Ecco le regole che entreranno in vigore da lunedì 26

SPOSTAMENTI – Resta il coprifuoco dalle 22 alle 5. Nella zona arancione è consentito uno spostamento giornaliero verso una sola abitazione privata abitata in ambito comunale, in non più di due persone (oltre a under 14 e persone disabili o non autosufficienti). Gli spostamenti verso altri Comuni e Regioni sono consentiti esclusivamente per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. A chi vive in un Comune che ha fino a 5.000 abitanti è comunque consentito spostarsi, tra le 5.00 e le 22.00, entro i 30 km dal confine del proprio Comune (quindi eventualmente anche in un’altra Regione o Provincia autonoma), anche per le visite ad amici o parenti nelle modalità già descritte, con il divieto però di spostarsi verso i capoluoghi di Provincia.

BAR – Restano sospese le attività di servizi di ristorazione dentro i locali. Fino alle 22 è consentita la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. Nessuna restrizione per la ristorazione con consegna a domicilio.

Riaprono PARRUCCHIERI E ESTETISTI

SPORT – Chiuse palestre e piscine, ok agli sport individuali, purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno 2 metri per l’attività sportiva, salvo che sia necessaria la presenza di un accompagnatore per i minori o per le persone non completamente autosufficienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.