L’ASSESSORE INSULTATO SUI SOCIAL RISPONDE: ”SI POSSONO AVERE IDEE OPPOSTE, MA LA BASE DEVE ESSERE IL RISPETTO”

L’ASSESSORE INSULTATO SUI SOCIAL RISPONDE: ”SI POSSONO AVERE IDEE OPPOSTE, MA LA BASE DEVE ESSERE IL RISPETTO”

Solidarietà da parte del Sindaco. L’assessore Pantaleo: ”Prendo le distanze da quello che è stato scritto”

“Queste situazioni mostrano lo stato di degrado politico in cui Modugno versa”. Così l’assessore modugnese, oggetto di insulti sessisti da parte di componenti di una frangia politica di estrema destra, ha commentato lo spiacevole attacco all’indomani della bocciatura del Ddl Zan. Ringraziando tutti coloro che, in queste ore, hanno mostrato solidarietà, ha anche specificato che pur non dovendo soprassedere sulla gravità di questi atteggiamenti, da condannare in maniera chiara, non bisogna neanche ricadere nella strumentalizzazione.  

“Io continuerò le mie battaglie e non mi farò sicuramente intimidire – fa sapere – mi sento offesa come figura politica e come donna. Sicuramente ci saranno delle risposte sia da un punto di vista politico che personale, agendo nelle sedi di competenza. Spero che questo sia da monito per questi individui che non possono neanche essere definiti uomini. La cosa che fa più male è che alcuni erano anche giovani”.

Il sindaco Nicola Bonasia, pur non prendendo ufficialmente posizione sull’accaduto, come richiesto da una parte di minoranza, ha commentato sotto il post dell’assessore mostrando solidarietà e vicinanza non solo verso il componente della sua Giunta, ma verso tutte le donne della maggioranza, trattandosi di un insulto “generico”.

“Questi insulti gratuiti danneggiano l’immagine di chi li scrive, non certo la tua – scrive -Piena solidarietà a te, anche se per la tua forza, non hai affatto bisogno. Sempre avanti, a testa alta.”

La scelta di non prendere ufficialmente le distanze è stata spiegata dal Primo cittadino con l’impossibilità di distaccarsi da qualcuno che non si è mai sentito vicino. Il latore delle offese, infatti, non sarebbe residente a Modugno o direttamente vicino alla maggioranza, per questo un commento, che il sindaco ha definito “cafone e irrispettoso”, non deve ricevere ulteriori attenzioni.

Anche l’assessore di Onda Civica Estella Pantaleo ha espresso chiara distanza dall’accaduto.

Sulla sua pagina ufficiale ha infatti ribadito la sua indignazione su questi atteggiamenti.

“Mi rammarica leggere di insulti sessisti ad un assessore – scrive – Mi rammarica soprattutto perché quell’assessore fa parte della mia stessa maggioranza: DONNA competente e determinata. Lo ribadisco con forza: prendo le distanze da quello che è stato scritto”.

Per approfondimenti clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.