A NATALE LA SPESA LA DONA IL COMUNE

A NATALE LA SPESA LA DONA IL COMUNE

Arrivano i buoni spesa per le famiglie in difficoltà

Primi passi per l’erogazione dei buoni spesa comunali per tutte quelle famiglie in difficoltà economica a causa della pandemia del Covid 19. Da palazzo Santa Croce, infatti, hanno dato il disco verde all’Avviso Pubblico ad hoc che disciplina le modalità di richieste.
Per accedere ai buoni, sarà necessario, ovviamente, rispettare alcuni parametri economici. Possono presentare istanza, infatti, i nuclei in cui tutti i componenti in età lavorativa siano in cassa integrazione nella misura del 100% e o disoccupati e privi di misure di sostegno al reddito ad eccezione di quelle legate al Covid19; quelle famiglie dove non è presente alcun soggetto percettore di reddito e/o di sostegno al reddito, ad eccezione del Reddito di emergenza e di quelle legate al Covid 19. Possono far richiesta anche quelle famiglie in cui i componenti in età lavorativa siano in cassa integrazione nella misura del 100 per cento e/o disoccupati e in cui vi siano percettori di pensioni di invalidità civile e/o accompagnamento. La richiesta può essere avanzata da quei titolari di Partite Iva che non abbiano ancora ricevuto gli indennizzi previsti dai Decreti Ristori, per le cui attività sia stata disposta la chiusura nel mese di ottobre/novembre (Bar, ristoranti, palestre, ed ogni attività per la quale sia stata disposta la chiusura o la limitazione dell’attività); i lavoratori atipici/stagionali (che abbiano lavorato per almeno 8 settimane nell’anno 2019) che abbiano percepito l’indennità onnicomprensiva. L’accesso è anche consentito a quelle famiglie dove sono presenti misure di sostegno al reddito (Reddito di Inclusione, Reddito di Cittadinanza, Naspi, Reddito di Dignità) ma entro e non oltre un massimo di 500 euro.
L’istanza, presentabile entro e non oltre il 20 dicembre, va compilata unicamente accedendo al seguente link: https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSckLjCMtemgPfAKFnIWyW0iYYoSKGf75VUa1Xq2tscGmhkvpQ/viewform.
I cittadini ammessi a beneficio potranno esprimere la preferenza rispetto alle attività commerciali che si convenzioneranno con l’Ente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.