L’ULTIMO CONCERTO? L’AVETE GiÁ VISSUTO

L’ULTIMO CONCERTO? L’AVETE GiÁ VISSUTO

Al Demodè Club di Modugno va in scena il silenzio

L’apertura del locale, le luci che si illuminano, due band di successo, gli Après la Classe e i Sud Sound System che attraversano il back-stage salendo sul palco accompagnati solo dal rumore degli applausi dei fan. Ma la sala è vuota. “Torneremo più forti di prima”, “Questo silenzio fa rumore”, “Mi manca il tuo sudore e solo tu mi puoi curare”, “Mi manca stare in mezzo alla gente”, “Nessuno ha il diritto di fermare la musica” dicono. Ma mentre più di mille persone, collegate on line, aspettavano il momento in cui sarebbe partita la musica, proprio quando il cantante prende il microfono, tutto si spegne. I suoni, le luci, il palco. Non è stato uno scherzo, ma la dimostrazione di una triste realtà. L’ultimo concerto non può essere on-line. L’ultimo concerto è stato già vissuto nel 2020, prima che un virus invisibile, chiamato Covid-19, spegnesse la musica e svuotasse le sale.

“Dove siamo adesso? La realtà che viviamo oggi rischia di essere il nostro futuro – scrivono in una nota i proprietari dei locali, tra i quali il Demodè – il prossimo concerto noi vogliamo che ci sia”.

In tutti i club che hanno aderito all’iniziativa “L’ultimo concerto” (per maggiori informazioni leggi https://www.cardonews.it/2021/02/18/il-demode-club-di-modugno-aderisce-alliniziativa-lultimo-concerto/) è andato in scena questo assordante silenzio, perché non ci può essere musica a porte chiuse, senza spettatori un concerto non ha vita. I gestori del club modugnese, che ha portato numerosi artisti di successo sul palco, hanno anche voluto fare un appello direttamente ai sindaci Nicola Bonasia, Antonio De Caro e al presidente della Regione Puglia Michele Emiliano.

“Un concerto senza musica NON è un concerto, un live club senza musica NON è un live club. Dateci voce e aiutateci a ripartire, per far ritornare la musica “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.