I GIOVANI MODUGNESI HANNO BISOGNO DI SPAZI STUDIO. RIAPRIAMO LE AULE DELLA SAN FRANCESCO

I GIOVANI MODUGNESI HANNO BISOGNO DI SPAZI STUDIO. RIAPRIAMO LE AULE DELLA SAN FRANCESCO

Una proposta del Movimento Nuove Frontiere e PD Modugno

Il problema della mancanza spazi per i giovani è sempre stato presente nella nostra Città. Dopo la chiusura della biblioteca comunale, nel lontano 2019, a seguito dell’avvio dei lavori di recupero, adeguamento e potenziamento della Biblioteca Comunale presso il Palazzo della Cultura di Corso Umberto I, i giovani modugnesi hanno dovuto ripiegare sulle aule della scuola San Francesco d’Assisi. Queste, infatti, erano state scelte come luogo temporaneo per ospitare una parte delle opere della biblioteca comunale, le altre sono state spostate all’archivio di Stato, e fungere da aula studio. A causa dei provvedimenti di sicurezza contro il contagio da Covid19 le aule erano state chiuse, impedendone l’accesso. Ma la necessità degli studenti di avere un posto dove studiare e consultare libri rimane. Ecco perché il Movimento Nuove Frontiere con il Circolo PD Modugno hanno protocollato, a gennaio, una richiesta per far riaprire al più presto gli spazi.
“Abbiamo dato voce alla necessità di tanti giovani di riappropriarsi di spazi per la cultura – fanno sapere gli attivisti del Movimento – una Città non può rimanere senza biblioteca e luoghi studio. Per questo a gennaio abbiamo fatto formale richiesta di riapertura ai ragazzi delle aule della San Francesco d’Assisi nella speranza, speriamo al più presto, di riavere fruibile il Palazzo della Cultura”.
La riapertura al pubblico, spiegano i richiedenti, sarebbe sempre opportunamente contingentata e controllata, onde assicurare le necessarie condizioni di sicurezza nell’attuale situazione di emergenza epidemiologica da “COVID 19”, ed almeno negli orari giornalieri mattutini.
“Tale misura – si legge nella richiesta- è stata già adottata da alcune istituzioni ubicate nel Comune di Bari e da diversi Comuni del territorio nazionale. Costituirebbe – a nostro parere – un bel segnale di vitalità e di fiducia da regalare soprattutto alle giovani generazioni”.
Da gennaio, fanno sapere PD e Movimento Nuove Frontiere, non è pervenuta alcuna risposta ufficiale in merito, anche se ufficiosamente sono stati dati segni positivi in tal senso.
La richiesta verrà dibattuta nel prossimo consiglio comunale, che avrà luogo domani, con la speranza che gli studenti modugnesi possano presto ritornare ad avere un luogo di studio a due passi da casa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.