PARTITA ITALIA – INGHILTERRA. DIETROFRONT SUL MAXISCHERMO IN PIAZZA

PARTITA ITALIA – INGHILTERRA. DIETROFRONT SUL MAXISCHERMO IN PIAZZA

Il sindaco Bonasia: “Una scelta dolorosa ma necessaria”

Dietrofront del comune di Modugno sulla decisione di installare megaschermi in piazza per vedere la partita Italia-Inghilterra. La decisione è stata presa ieri e diffusa sui social dal primo cittadino Nicola Bonasia. Dopo l’annuncio, avvenuto all’indomani della vittoria in semifinale, dell’installazione di maxi schermi in piazza per guardare la finale, ieri la decisione, sofferta, di non metterli.

“In questi ultimi giorni le notizie del Ministero della Salute sulla prevalenza della variante Delta arrivata in Puglia al 16%, ci invitano all’assoluta prudenza – scrive il primo cittadino – Nonostante la circolazione virale sia ancora bassa e concentrata soprattutto tra i giovani, ritengo che in queste condizioni, e d’intesa con molte realtà territoriali limitrofe – anche in seguito a quanto accaduto in molte Città dopo la recente vittoria in semifinale della Nazionale – sia nostro dovere preservare al massimo il diritto alla salute e far di tutto, anche con piccoli segnali, nel dare il buon esempio”.

Anche Modugno si è quindi allineato a quanto era stato già deciso dal sindaco di Bari Antonio Decaro, che ha anche blindato le piazze e vietato qualsiasi tipo di “capanello” aggregativo.

L’annuncio dei maxi schermo a Modugno aveva già iniziato a creare polemica e storcere il naso a molti che, anche a seguito di quanto accaduto per i festeggiamenti nel post partita in piazza Sedile, avevano ritenuto imprudente la decisione.

La scelta del passo indietro è stata comunque sofferta.

“È l’ennesima gioia che questa pandemia ci sottrae – conclude Bonasia – l’ennesimo sacrificio che siamo costretti a fare.

Facciamo in modo che non sia vano anche durante il post partita nel caso di vittoria. Festeggiamo e divertiamoci, ma facciamolo con criterio e nel rispetto delle regole”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.