I TESORI DI MODUGNO AL BIT DI MILANO

I TESORI DI MODUGNO AL BIT DI MILANO

Balsignano, il Millennio e il Cammino materano per un’economia verde e sostenibile

Modugno è stata ospite del padiglione della Puglia alla Borsa Internazionale del Turismo (Bit) di Milano. Il Millennio modugnese, il casale fortificato di Balsignano, il Cammino materano e la potenzialità della cava di bauxite come polmone verde e luogo dove ospitare eventi di ampio bacino di interesse sono stati i biglietti da visita della nostra città.

Rappresentanti ne sono stati il primo cittadino Nicola Bonasia e l’assessore alla Cultura Antonio Alfonsi, che hanno parlato di come una città, nota prevalentemente nell’ambito dello sviluppo industriale, abbia con il tempo faticosamente avviato un processo di riappropriazione delle proprie radici. Punto cardine di questa rinascita il Casale fortificato di Balsignano, luogo unico in tutta la Puglia che sta diventando un importante contenitore culturale.

«Questo è stato un anno molto importante – spiega il sindaco Bonasia – abbiamo festeggiato i mille anni di Modugno. Era maggio 1021 quando fu vergato il primo atto notarile nel quale appare il nome del “locus Medunei”, quel documento è stato un po’ l’atto di nascita della città. Abbiamo festeggiato l’evento con numerose iniziative, dalla proiezione di un videomapping a convegni, mostre e rappresentazioni teatrali a tema Millennio. Si è fatta anche molta pubblicità attraverso un piano di marketing territoriale, con un logo progettato per il millennio, che ricorda appunto il suo luogo simbolo».

Puglia non è solo mare, ma un territorio ricco di storia tutta da scoprire, come i suoi cammini e i paesi dell’entroterra.

«Destagionalizzare il turismo significa puntare su nuove forme di attrazione – afferma l’assessore Alfonsi – Modugno si trova sul Cammino materano, un percorso molto caro agli amanti della natura, un punto di riferimento per i pellegrini. Per dare valore ed essere attrattivi è necessario fare rete per farsi conoscere e questo si può fare solo facendo rete e creando dei circuiti turistici».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.