UN CORSO DI RESTAURO DEI MURETTI A SECCO PER TORNARE ALLE ORIGINI

UN CORSO DI RESTAURO DEI MURETTI A SECCO PER TORNARE ALLE ORIGINI

Organizzato da Retake Modugno con il patrocinio del Comune

Ritornare alla terra riscoprendo la bellezza e la semplicità della sua architettura. I muretti a secco sono il simbolo della società contadina e delle campagne del sud. Attirano lo sguardo per la loro possenza, ma anche per lo stupore di vederli robusti e fieri, in piedi da anni ed anni, anche senza il cemento e la calce a cui siamo abituati. Una tradizione quasi poetica che deve essere tramandata e non può essere persa. Retake Modugno ha, per questo, organizzato un corso che insegnerà, a chiunque voglia ascoltare e imparare, a restaurare e costruire queste splendide opere. Si parte lunedì 13, dalle 14.30, per una 5 giorni con un maestro professionista del settore. L’evento, patrocinato dal Comune, è stato organizzato dai volontari Retake Nicola De Benedictis e Rino Falagario.

“Modugno ha dimenticato la sua origine, la sua tradizione agricola – afferma Nicola De Benedictis – per questo abbiamo pensato che sarebbe stato bello ricordarla e fare in modo che queste bellissime costruzioni, che hanno anche un valore di utilità perché contribuiscono a mantenere l’umidità del terreno, possano essere curate e rigenerate”.

Location delle lezioni sarà la contrada “Sot a somm”, nelle vicinanze del boschetto, anch’esso attualmente oggetto di riqualificazione grazie ai volontari di Atleticamente.

“Abbiamo avuto numerose richieste di partecipazione – continua il volontario Retake – addirittura ci sono state adesioni da Monopoli e Trani. Il recupero dei muretti a secco è un gesto che salvaguarda l’ambiente e valorizza il paesaggio rurale. Vogliamo dare a chiunque voglia la possibilità di riprendere l’attività di costruzione in una delle più belle sculture della nostra terra”. C’è ancora tempo per partecipare. Le iscrizioni si chiuderanno lunedì. Per informazioni basta rivolgersi ai numeri 3490629315 e 3393766029 dei due volontari Nicola e Rino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.