GRAN GALÁ DELLA SOLIDARIETÁ A MODUGNO, “UNA NOTTE PER LA VITA”

GRAN GALÁ DELLA SOLIDARIETÁ A MODUGNO, “UNA NOTTE PER LA VITA”

Premio nazionale per la solidarietà. Domani alle 20.30 in Piazza Sedile

Solidarietà e divertimento per “Una Notte per la vita”. L’associazione “Le Mani Tese”, Comune di Modugno e Avis Modugno, con il sostegno di Competenze certificate e Radio Selene, saranno insieme per una grande serata di raccolta fondi per la vita. Sul palco allestito in piazza Sedile si avvicenderanno ospiti del mondo dello spettacolo, della musica e della radio per un evento che non solo allieterà il pubblico ma ha anche come obiettivo di raccogliere fondi per acquistare un defibrillatore che verrà, a fine serata, donato alla città. Sul palco gli speaker di Radio Selene Maria Rita Minoia e Stefano Alicchio, che presenteranno gli artisti che si avvicenderanno in una notte di musica e risate. Il trio Real…Mente Napoli, con la canzone classica napoletana, farà sognare la piazza, mentre a farla ridere ci penserà il comico cabarettista Carlo Maretti. Saranno premiate alcune personalità che si sono personalmente spese in favore del prossimo.

«Non vogliamo ancora svelare i nomi – fa sapere il presidente di Avis Modugno Massimo Angiulli – ma premieremo quattro personalità appartenenti al mondo delle forze armate, religioso e delle associazioni. Figure che silenziosamente hanno fatto tanto per il prossimo e sui quali vogliamo puntare i riflettori».

Ma qualche anticipazione siamo in grado di darla. Ad essere premiati saranno due esponenti delle forze dell’ordine, due di associazioni benefiche e un parroco che ha collaborato con Avis Modugno per le missioni umanitarie e di soccorso in Ucraina.

L’idea di donare dei defibrillatori nasce dalla volontà di salvare vite, affinché non si ripeta il brutto evento avvenuto circa un anno fa, quando una signora perse la vita accasciandosi per strada a causa di un malore.

«In memoria sua memoria sarà installato un defibrillatore – spiega Angiulli – proprio in Piazza Umberto, affinché si possa dare una speranza di immediato soccorso e salvare più vite possibili».

E forse i defibrillatori donati potrebbero essere più di uno. Grazie alla donazione del modugnese Gaetano Melillo si potrà procedere all’acquisto di un secondo defibrillatore, che sarà posizionato vicino al mercato coperto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.