CAMBIO DI DIREZIONE (FUTURO) NELLA MAGGIORANZA. NASCE “MODUGNO SOLIDALE”

CAMBIO DI DIREZIONE (FUTURO) NELLA MAGGIORANZA. NASCE “MODUGNO SOLIDALE”

Chessa e Scelsi sfiduciano l’assessore Maurelli e fondano un nuovo gruppo.

Primi (importanti) assestamenti nella maggioranza di Governo a Modugno. Durante l’ultima massima assise cittadina, avvenuta nella giornata contro la violenza sulle donne, un altro assessore dopo le dimissioni di Tania di Lella ai Servizi sociali, per (presunti) motivi personali, per ironia della sorte donna, rischia di perdere il posto per un colpo di mano avvenuto ad opera di due consiglieri di maggioranza. Si tratta di Antonello Chessa e Vincenzo Scelsi che hanno approfittato della seduta di Consiglio per dichiarare la loro volontà di fuoriuscire dal gruppo Direzione Futuro e di fondarne uno nuovo che, comunque, rimarrà all’interno della maggioranza. La nuova realtà si chiamerà “Modugno solidale” e si propone, così come specificato dal consigliere Chessa, di dare nuova linfa all’azione amministrativa del Sindaco e della amministrazione tutta, contribuendo a coltivare il dialogo e l’ascolto dando priorità alle esigenze della comunità. La motivazione di questo scossone, forse già annunciato ma inaspettato per la maggioranza e il sindaco Nicola Bonasia, sembrerebbe essere la volontà, dei due consiglieri, di fatto di sfiduciare proprio il loro assessore, al Bilancio, Marysabel Maurelli.
«Tra le cause di questo disagio – spiega Chessa nel suo intervento – vi è in generale un difetto di comunicazione con l’esecutivo e in particolare con l’Assessora alle Finanze. Con lei non manchiamo di relazionarci, peccato però che quest’ultima contribuisce ad approvare ogni provvedimento collegiale della giunta senza un minimo di condivisione con la sua parte politica».
Dura contestazione da parte del consigliere di Direzione Futuro Benedetta Capacchione, che oltre a denunciare il clima di forte disagio che ha dovuto subire come capogruppo, ha affermato che le tempistiche erano sbagliate e che i panni sporchi si sarebbero dovuti lavare in famiglia.
La fragile posizione di un assessore, in un assessorato chiave, ha impensierito la minoranza, che ha chiesto, alla luce di questa notizia, come si potrà affrontare un consiglio comunale, imminente, nel quale si andrà ad approvare il bilancio. Il primo cittadino Nicola Bonasia ha provveduto a placare gli animi informando che il consiglio al Bilancio era stato già preparato e che questa vicenda non andrà ad intaccarlo. Ha inoltre affermato che la copertura della posizione vacante ai Servizi sociali avverrà a stretto giro e che il mutato equilibrio politico non minerà la tenuta della maggioranza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.