FOCOLAIO COVID19 RSA “VILLA ARGENTO” MODUGNO.  L’INTERROGAZIONE DELLA MINORANZA

FOCOLAIO COVID19 RSA “VILLA ARGENTO” MODUGNO. L’INTERROGAZIONE DELLA MINORANZA

Sono 44 i positivi tra ospiti e dipendenti

I Consiglieri Comunali Giovanna Bellino, Nicola Caputo, Fabrizio Cramarossa, Raffaele Gramazio, Vito Silvestri e Lorenzo Vasile hanno siglato oggi un’interrogazione lampo circa il caso di focolaio Covid in una Rsa. Si tratta di Villa Argento, una casa di riposo per anziani situata a Modugno. Sono 44 i positivi, 31 ospiti e 13 dipendenti.
“La situazione è la medesima di quella riscontrata a Sannicandro anche perché il team è lo stesso – spiega il procuratore dell’azienda, Fabio Carfagno -. Abbiamo isolato tempestivamente i dipendenti e richiesto l’intervento dell’Asl che dovrebbe giungere a breve”.
Vista la gravità della situazione, i consiglieri hanno chiesto al sindaco Nicola Bonasia maggiori informazioni in merito, anche alla luce della decisione, presa di comune accordo, di trasformare la richiesta di un consiglio comunale monotematico a tema Covid in una commissione speciale sullo stesso tema, che raccolga i contributi di esperti esterni, anche in campo sanitario, al fine di contribuire ad assumere decisioni corrette nella gestione dell’emergenza in atto. Focalizzano l’attenzione soprattutto sulle USCA (Unità Speciale di Continuità Assistenziale) sul territorio di Modugno, annunciate in Consiglio Comunale, a cui è attribuita l’attività di sorveglianza sanitaria propria del Dipartimento di Prevenzione della Asl, per la cui costituzione è tuttavia necessario il contributo del Comune al fine di individuare gli spazi idonei. I Consiglieri si chiedono quindi: A che punto è l’individuazione dei locali per questo servizio? Partirà a Modugno oppure in una delle altre città del distretto socio – sanitario?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.