PRIDE BARI. MODUGNO C’È

PRIDE BARI. MODUGNO C’È

Con il Movimento Nuove Frontiere. Sul palco anche Niki Vendola

C’era anche Modugno alla manifestazione per i diritti della comunità Lgbtqia+ che si è tenuta a Bari nella giornata internazionale del coming out. Il Movimento Nuove Frontiere, che da anni partecipa attivamente all’organizzazione della manifestazione, è sceso in piazza per gridare NO alle discriminazioni. Sul palco è intervenuto, come portavoce, il Segretario Jeeva Triggiano che ha evidenziato come sia importante manifestare contro ogni tipo di chiusura e intolleranza.

“È il secondo anno di esperienza nell’organizzazione del Pride – spiega – anche se per colpa del Covid non è stato possibile organizzarlo né a Modugno né a Bari nel miglior modo possibile”.

Sdoganare l’odio e i pregiudizi, maggiormente nelle realtà di provincia, significa per i ragazzi del Movimento uscire dalla propria comfort-zone per confrontarsi e scardinare una mentalità chiusa combattendo contro l’ostilità sociale.

“Crediamo e speriamo di essere un esempio in futuro per tutte le associazioni delle Province e dei paesi limitrofi – afferma – affinché possa sorgere anche in loro la necessità di dare finalmente la stessa voce e lo stesso spazio sulla scia degli eventi già organizzati nelle grandi città”.

A sorpresa all’evento è intervenuto un commosso ed emozionato Niki Vendola. Sul palco del Pride ha sostenuto come l’omofobia sia frutto della paura e che la legge Zan debba essere un diritto riconosciuto per tutti.

 “Che sia riconosciuto – ha ribadito Vendola – che l’omofobia è un crimine d’odio, che si possa lavorare perché ogni ragazzo e ragazza possa crescere con serenità, senza paura di scoprire la propria identità. Ognuno ha diritto di vivere alla luce del sole, alla felicità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.