GUARITO DALLA LEUCEMIA DONA DOLCI AI BAMBINI AMMALATI PER L’EPIFANIA

GUARITO DALLA LEUCEMIA DONA DOLCI AI BAMBINI AMMALATI PER L’EPIFANIA

Francesco, 12 anni, simbolo di speranza

È guarito dopo due anni di lotta contro una malattia che fa paura. Oggi è vicino a tutti i bambini ricoverati e porta loro dolcetti per l’Epifania. Francesco, modugnese, si è ammalato a soli 8 anni di leucemia, una malattia che però non ha vinto il suo buon umore e la voglia di vivere. Una storia a lieto fine raccontata da mamma Ketty e papà Rocco, che gli sono stati sempre vicino durante tutti gli anni di malattia.

“Francesco ha mostrato una forza straordinaria – ricordano – ha sempre affrontato il male con grande determinazione e sicurezza di vincere. A volte è stato lui a darci forza per affrontare questo brutto momento. È stato bravissimo”.

E di momenti di sconforto ce ne sono stati molti, tanto che Ketty ha scritto anche al papa per chiedere conforto

“Ho scritto a Papa Francesco – fa sapere Ketty – che mi ha risposto che avrebbe ricordato Francesco nelle sue preghiere e che ci era vicino in questa difficile prova. Quando gli ho riscritto informandolo della guarigione mi ha risposto che era felice e che non avrebbe smesso di pregare per tutti i bambini ammalati che soffrono”.

La fede è stata un elemento essenziale per la famiglia. Lo stesso Francesco ha voluto conoscere l’ex arcivescovo di Bari e Bitonto monsignor Francesco Cacucci, con il quale si è incontrato varie volte. Ed è stata proprio la fede e la voglia di dare qualcosa agli altri dopo la vittoria sul male che Francesco ha deciso, da due anni, di portare un dono a tutti i bambini del reparto oncologico del Policlinico.

“Quando ho saputo che i bambini ricoverati non potevano avere i loro genitori vicino a causa del Covid, come li ho avuti io, ho subito pensato di voler donare loro qualcosa – racconta Francesco – purtroppo non posso portarglieli di persona, ma le associazioni di volontariato che operano con il Policlinico portano in corsia i miei regali e mi mandano delle foto. Sono contento di poter donare loro un sorriso”.

Grazie all’aiuto di un’amica di famiglia, l’artigiana di ” Ma che Creazioni Loredana Dentico”, e all’associazione Apleti che ha consegnato i doni, oggi i bambini ricoverati potranno mangiare le caramelle contenute nei sacchettini fatti a mano da Francesco e scartare l’originala segnalibro. Francesco ha deciso di impiegare i suoi risparmi per donare un sorriso a chi soffre, ma ciò che ha donato davvero è la voglia di vivere e l’incrollabile fiducia in una vita che, sia pur con le difficoltà che presenta, vale sempre la pena viverla con il sorriso, di un piccolo grande uomo, come Francesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.