I SINDACI DELL’AROBA2 : “UNITI NEL NO ALLA NEWO”

I SINDACI DELL’AROBA2 : “UNITI NEL NO ALLA NEWO”

Con i Comuni le associazioni ambientali contro il ricorso al Tar


Neanche il tempo di gioire per lo scampato pericolo che i sindaci dell’AroBa2 sono nuovamente tornati sul piede di guerra. Sono passati appena 3 settimane, era il 13 dicembre, da quando il Tar aveva resa nota la bocciatura dell’impianto di ossicombustione Newo nella zona industriale tra Bari e Modugno, ma l’azienda non ha accettato il no e da fatto ricorso. Un ricorso al quale hanno risposto prontamente i sindaci dell’AroBa2, dei quali Modugno è capofila. Riunitisi dopo la notizia della risposta dell’azienda hanno dichiarato che continueranno ad opporsi per il bene del territorio
“Continueremo a mantenere alta l’attenzione – scrivono – a far tutto il possibile per continuare a salvaguardare il nostro territorio. Ci opporremo al ricorso della società NewO per evitare che venga modificata la recente favorevole sentenza del Tar”.
Alla battaglia, che vede coinvolti e uniti i sindaci dei comuni dell’Ambito (Modugno, Binetto, Bitetto, Bitritto, Giovinazzo, Palo del Colle, Sannicandro di Bari), i Comuni di Bari e Bitonto, si sono aggiunti i comitati “No Inceneritore”, “Pro Ambiente Modugno” e “Tutela del Territorio Area Metropolitana di Bari” e il circolo Legambiente “Mirian Hrovatin” in una ferma opposizione all’insediamento dell’impianto di ossicombustione soprattutto per le ricadute sanitarie e ambientali che potrebbe avere su tutto il territorio. Le stesse criticità sono state evidenziate dalla sentenza del Tar dello scorso 13 dicembre, attraverso la quale i giudici hanno negato la possibilità di procedere concessa dalla Regione.

“Ora si entra in una nuova fase – garantiscono i Sindaci dei Comuni dell’Aro Ba2 – ma sosterremo le nostre ragioni e i diritti del territorio fino alla fine”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.